Il petrolio vola sui nuovi massimi dell’anno

(Teleborsa) – Continua la corsa del petrolio, le cui quotazioni si sono portate su nuovi massimi dell’anno, di rimando alla strategia restrittiva dell’OPEC (ed assimilati) ed ai passi avanti fatti da USA e Cina per risolvere le divergenze che hanno bloccato il commercio mondiale.

Il future sul petrolio Nordamericano, il Light Crude Oil, ha concluso la settimana oltre i 57 dollari al barile, con un rialzo di quasi il 3%, accumulando un guadagno da inizio anno che sfiora il 26%. Parallelamente, il Petrolio Brent del Mare del Nord è balzato oltre i 67 dollari al barile, con un incremento superiore aell’1% su settimana e di oltre il 24% da inizio anno.

Alla base dell’ascesa delle quotazioni c’è il taglio deliberato dall’OPEC e dai membri aggiunti, in particolare la Russia, per riportare i prezzi su livelli ritenuti “adeguati”. Contingentamento che sembra procedere in linea con quanto annunciato ed anche di più, che va ad aggiungersi al flop della produzione del Venezuela. IL Paese latino-americano come noto è alle prese con una crisi politica, economica e sociale senza precedenti, che ha duramente colpito le sue risorse chiave, in particolare l’industria estrattiva, con la paralisi della oil company statale PSVDA.

Nel frattempo, proseguono con “buoni progressi” le trattative fra le delegazioni degli USA e della Cina per portare a casa un accordo commerciale entro la scadenza del 2 marzo, giorno in cui terminerà la tregua siglata al G20 dai presidente Donald Trump e Xi Jinping. Un compromesso potrebbe essere raggiunto a breve per riattivare i flussi commerciali che comprendono anche i prodotti energetici.

A stemperare l’ottimismo del mercato petrolifero i report settimanali dell’EIA sulle scorte USA e di Baker Hughes sul monitoraggio dei pozzi attivi, che confermano un surplus produttivo nel Nord America.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il petrolio vola sui nuovi massimi dell’anno