Il monito di Draghi: “Paesi ad alto debito più vulnerabili agli shock”

Il richiamo del presidente della Bce, che non menziona apertamente l'Italia, sembra rivolto proprio al governo gialloverde in pieno braccio di ferro con la Commissione europea sulla manovra

(Teleborsa) Il riferimento esplicito all’Italia ovviamente non c’è ma impossibile non leggere nelle parole di Mario Draghi, presidente della BCE, un richiamo diretto anche al nostro Paese.
I paesi con debiti pubblici elevati “dovrebbero proteggere famiglie e imprese dal rialzo dei tassi di interesse astenendosi dall’aumentare ulteriormente il debito e tutti i Paesi dovrebbero rispettare le regole dell’Unione”. Il richiamo del presidente della Bce che non menziona apertamente l’Italia sembra rivolto proprio al governo gialloverde in pieno braccio di ferro con la Commissione europea sulla manovra.

“La mancanza di un consolidamento fiscale nei paesi con alto debito pubblico aumenta la loro vulnerabilità agli shock, sia che questi siano prodotti autonomamente mettendo in questione le regole dell’architettura dell’Unione Europea che siano importanti attraverso un contagio finanziario”, lo ha detto nel corso del suo intervento allo European Banking Congress a Francoforte.

Contagio limitato, per ora “A oggi, sebbene un qualche riprezzamento al rialzo dei prestiti bancari si sia verificato laddove l’aumento degli spread è stato più significativo, nel complesso i costi complessivi dei finanziamenti bancari rimangono vicini ai minimi storici nella maggior parte dei paesi, grazie a una base di depositi stabili”. 

Quantitative easing – Nessun segnale di dietrofront dal presidente della Bce sull’orientamento a concludere il programma di acquisti netti di titoli, che proseguirà fino a dicembre. “Anticipiamo che, posto che il dati confermino le valutazioni – sulle prospettive di inflazione-, con dicembre gli acquisti si concluderanno”, ha affermato.

Nonostante il recente rallentamento dell’economia “la solidità di fondo di salari e della domanda interna  continua a supportare la valutazione che la convergenza dell’inflazione proseguirà”, verso i livelli auspicati dalla Bce, ha precisato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il monito di Draghi: “Paesi ad alto debito più vulnerabili agli...