Il mercato unico in Cina sta per diventare realtà: ok di Pechino a fusione tra Shenzhen e Hong Kong

(Teleborsa) – Prende vita la riforma del mercato dei capitali cinesi, con il via libera da parte delle autorità di vigilanza locali alla connessione tra le piazze di Shenzhen e Hong Kong, che permetterà agli investitori stranieri di acquistare azioni quotate sul listino della Cina continentale e ai risparmiatori cinesi di investire su aziende straniere quotate nell’ex colonia britannica. 

“La preparazione per il lancio del piano Shenzhen-Hong Kong Stock Connect è stata completata e il Consiglio di Stato ha approvato la bozza del piano per l’implementazione” ha detto il premier cinese Li Keqiang, sottolineando come la nuova connessione creerà una stretta connessione tra Hong Kong e le piazze continentali, permettendo una maggiore diversificazione degli investimenti. 
La connessione dovrebbe essere attivata entro la fine dell’anno.

“Grazie al nuovo accordo, la Cina sta dimostrando di voler essere un Paese più incentrato sul mercato”, ha aggiunto il primo ministro.

Un primo passo verso il mercato unico era stato fatto nel 2014, con il lancio dello Shanghai-Hong Kong Stock Connect per consentire agli operatori internazionali di acquistare azioni quotate a Shanghai grazie a broker basati a Hong Kong.

Shanghai e Shenzhen rappresentano insieme la seconda piazza finanziaria al mondo dietro Wall Street e davanti a Tokyo, con la borsa di Shanghai che accoglie soprattutto le grandi società cinesi controllate dallo Stato e quella di Shenzhen le piccole e medie imprese private, incluse le start up tecnologiche.  

Il mercato unico in Cina sta per diventare realtà: ok di Pechino a fu...