Il MEF alimenta il fondo anti usura con i proventi della lotta al riciclaggio

(Teleborsa) – Il Ministero dell’Economia prosegue la guerra all’usura mediante il finanziamento dell’apposito Fondo per la lotta contro questa piaga. 

Il Fondo anti usura, cui attingeranno selezionate fondazioni e associazioni del terzo settore ed alcuni Confidi , avrà una dotazione di 12 milioni di euro e sarà finanziato mediante i proventi delle sanzioni antiriciclaggio e valutarie. 

Il fondo è finalizzato a promuovere e garantire i finanziamenti a favore di aziende e famiglie a rischio di usura, da utilizzare nel corso del 2016. L’usura è infatti un fenomeno criminale diffuso, con intensità diverse, su tutto il territorio nazionale e trae forza da situazioni in cui piccole imprese e nuclei familiari hanno difficoltà di accesso alla liquidità. La garanzia statale, che favorisce l’accensione di prestiti del circuito bancario, serve dunque a prevenire l’esclusione finanziaria di soggetti deboli, che senza una forte garanzia rischierebbero di essere preda dei canali illegali del credito.

Dal 1998 fino ad oggi, tramite il Fondo per la prevenzione dell’usura, il Dipartimento del Tesoro del MEF ha erogato un totale di circa 600 milioni di euro finalizzati alla concessione di garanzie. Il Fondo ha consentito di garantire 81 mila finanziamenti, per un importo complessivo di oltre 1,9 miliardi di euro, grazie al meccanismo della leva finanziaria.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il MEF alimenta il fondo anti usura con i proventi della lotta al rici...