Il Governo conferma le previsioni del DEF

(Teleborsa) – Il governo “ritiene opportuno confermare le previsioni contenute nella Nota di aggiornamento al DEF” a seguito della “mancata validazione del quadro economico” da parte dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio. E’ la replica del Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che interviene per la seconda volta in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato dopo la bocciatura della NADEF per mano dell’UPB.

“Le coperture della manovra 2019 – spiega il titolare del dicastero di Via XX Settembre – ammontano a 15 miliardi di euro, di cui 6,9 miliardi di tagli e 8,1 miliardi di aumenti di entrate. Nell’anno successivo le coperture sono di 7,8 miliardi con un importo analogo di tagli e aumenti di entrate pari a 3,9 miliardi, nel 2021 4,7 i miliardi dovuti ai tagli e 5,2 miliardi alle maggiori entrate”.

Tria invita, poi, a non lasciare che “la volatilità di breve termine dei mercati offuschi la nostra capacità di formulare valutazioni e previsioni equilibrati”. I rischi politici ed economici internazionali sono sempre esistiti ed è anche per questo motivo che nei documenti di programmazione si formulano previsioni prudenziali e non ottimistiche. Ma “non possiamo, né non dobbiamo, basare il quadro programmatico su scenari di rischio a ribasso altrimenti stravolgiamo il significato di tale previsione“.

Il Governo conferma le previsioni del DEF