Il decreto salva-banche ha salvato migliaia di posti di lavoro

(Teleborsa) – Non tutto il male viene per nuocere ed anche il contestatissimo decreto salva-banche ha avuto effetti positivi, al di là delle perdite causate ai propri azionisti ed investitori, che devono ora ricorrere per via arbitrale. 

Il salvataggio delle 4 banche regionali –  Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti – ha consentito infatti di salvare circa 6 mila posti di lavoro a rischio, mentre la contrattazione sindacale è riuscita ad accompagnare circa 900 dipendenti alla pensione su base volontaria. 

Lo ha detto il responsabile delle relazioni sindacali dell’ABI, Giorgio Mieli, nel corso di un’audizione alla commissione finanze della Camera. Il salvataggio finanziato con denari messi pro-quota dalle altre banche – ha ricordato – ha consentito di salvare tutte le attività delle quattro banche e la prosecuzione tutti i rapporti di lavoro con le nuove “good bank”.

Resta solo da risolvere l’impasse in tema di ammortizzatori sociali, provocata da una interpretazione restrittiva dell’INPS, ha concluso Mieli.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il decreto salva-banche ha salvato migliaia di posti di lavoro