Il crollo del prezzo del petrolio continua ancora…

(Teleborsa) – Non si arresta la discesa del prezzo del petrolio, con il WTI che ieri a New York ha lasciato oltre il 5%, dopo che venerdì scorso l’Organizzazione dei Paesi esportatori ha annunciato l’allineamento del tetto produttivo alla produzione effettiva corrente, che si aggira attorno ai 31,5 milioni di barili.

Oggi il Light Sweet Crude Oil crolla del 2,34%, scendendo fino a 36,77 dollari per barile, mentre il petrolio quotato all’ICE di Londra, soffre un calo del 2,11% a 40,25 dollari. Toccati i minimi degli ultimi sette anni.

Il quadro tecnico del Brent segnala un ampliamento della linea di tendenza negativa con discesa al supporto visto a 39,49, mentre al rialzo individua l’area di resistenza a 43,2. Le previsioni sono di un possibile ulteriore ripiegamento con obiettivo fissato a 38,26.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Il crollo del prezzo del petrolio continua ancora…
Il crollo del prezzo del petrolio continua ancora…