Il Coronavirus ferma l’industria dell’auto in Nord America

(Teleborsa) – L’industria dell’auto ferma le catene di montaggio anche in Nord America. FCA, Ford e Honda hanno già annunciato che sospenderanno la produzione in tutti i loro impianti a causa dell’emergenza Coronavirus, a queste a breve si unirà anche General Motors come anticipato dal Detroit News. Per l’azienda giapponese si tratta di uno stop di 6 giorni, mentre per le altre la sospensione è prevista fino al 30 marzo. La decisione arriva dopo qualche resistenza alla proposta di chiusura dei cancelli dello United Auto Workers, il principale sindacato dei lavoratori del settore, e dopo aver accettato di rinforzare le misure di sicurezza, in linea con le regole presentate dal governo federale.

“Durante questo periodo, che valuteremo nuovamente alla fine di questo mese”, spiega FCA “che apporterà interventi alle attività produttive per facilitare i cambiamenti concordati con la UAW, tra cui strutture e orari dei turni e interventi di igienizzazione intensificati”. L’amministratore delegato Mike Manley ha invece dichiarato che la società sta valutando l’impatto delle decisioni sull’attuale guidance finanziaria e le condizioni macroeconomiche collegate all’emergenza Coronavirus: “Forniremo un aggiornamento sulla nostra guidance finanziaria quando avremo completato tale valutazione ed avremo sufficiente visibilità sulle condizioni di mercato”.

(Foto: Dave Parker, CC BY 3.0)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il Coronavirus ferma l’industria dell’auto in Nord America