Il centrodestra si ricompatta a Bologna

(Teleborsa) – “Uniti vinceremo le elezioni”, con questo slogan la Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno deciso di ricompattarsi. Dal palco di piazza Maggiore a Bologna, Matteo Salvini, sancisce la nascita del “nuovo guidato dal Carroccio”, dichiarandosi leader del centrodestra e convinto che “insieme supereremo il 40 per cento, conquistando il premio di maggioranza”.

Presente alla kermesse anche l’ex Cavaliere Silvio Berlusconi, spiegando che “con Matteo, Giorgia e il ritorno di Silvio non ce n’è per nessuno” e che “se non saremo uniti, alle prossime elezioni ci sarà il ballottaggio tra Pd e M5S”. 

Molte le provocazioni lanciate a Renzi ed a Grillo ma anche ad Angelino Alfano che per Salvini è “inutile e cretino”. Non si è fatta attendere la replica del ministro dell’Interno: Matteo Salvini “non è un piccolo uomo o un ominicchio, ma un quaquaraquà incolto e ignorante cui nessun paese al mondo affiderebbe neanche la delega alle zanzare”.  

Duro l’affondo ai rom ed ai centri sociali, con questi ultimi protagonisti nella giornata stessa di un’animata contestazione contro la manifestazione di Bologna, con alcuni feriti.

Il centrodestra si ricompatta a Bologna
Il centrodestra si ricompatta a Bologna