IEG, OROAREZZO chiude all’insegna della sinergia tra fiere

(Teleborsa) – Si è conclusa ieri, 9 aprile 2019, OROAREZZO, la manifestazione gestita da Italian Exhibition Group (IEG) ad Arezzo Fiere e Congressi, con una tenuta significativa, ancor più sintomatica in una situazione di mercato non facile. L’appuntamento è stato l’occasione per fare il punto sull’andamento dell’industria italiana della gioielleria, alla presenza di tutti gli interlocutori del settore: dal Mise – la cui partecipazione è stata rafforzata dalla presenza del Sottosegretario di Stato allo Sviluppo Economico, Prof. Michele Geraci – fino ai rappresentanti delle aziende.

Confindustria Federorafi, CONFARTIGIANATO, CNA e CONFIMI INDUSTRIA, in rappresentanza dell’intero comparto manifatturiero orafo gioielliero italiano, hanno chiesto formalmente al Governo maggiori investimenti pubblici per potenziare la leadership delle manifestazioni italiane.

“Abbiamo ottenuto risultati positivi – spiega Ugo Ravanelli, CEO di Italian Exhibition Group – grazie all’importante lavoro svolto per addivenire ad un’unica regia per le fiere dell’oro, che ha rafforzato il ruolo della piattaforma voluta da IEG. Una regia che ad Arezzo si è chiaramente mostrata in tutta la sua efficienza e che è basata sostanzialmente su quattro pilastri: l’anticipazione delle date in funzione dei mercati strategici, gli investimenti realizzati, il focus di posizionamento e lo sviluppo dell’incoming buyers dall’estero”.

Grazie a questo lavoro, dal 6 al 9 aprile, OROAREZZO ha raccolto e valorizzato sui mercati internazionali il meglio della produzione orafa Made in Italy. Confermati i dati attesi: oltre 450 i buyers ospitati, operatori di mercati emergenti e tradizionali, provenienti da 60 paesi grazie al supporto di MISE e ICE, e oltre 500 aziende espositrici rappresentative della miglior oreficeria Made in Italy.

Buono l’afflusso dai mercati più importanti: primo su tutti il Middle East (con Emirati Arabi, Arabia Saudita e Libano) e anche USA; stabili Hong Kong, Germania e Spagna.
L’attività di business durante la manifestazione ha rispecchiato l’andamento dell’export del settore evidenziando, appunto, gli Emirati Arabi Uniti al primo posto nel ranking dei principali paesi di sbocco, in particolare per il gioiello aretino, la crescita delle esportazioni verso Hong Kong (+4,2%) e la stabilità della domanda Statunitense.

Apprezzato il cambio di data di questa 40esima edizione della manifestazione, anticipata per meglio armonizzare il calendario delle fiere del settore orafo e per evitare la sovrapposizione con le festività religiose (la Pasqua, le festività ebraiche e il Ramadan). La scelta ha agevolato la presenza di espositori e buyer provenienti da mercati target. Potenziati i servizi per i buyer che, potendo organizzare in maniera più efficace le attività legate al business, hanno particolarmente apprezzato l’opportunità di godere anche del programma di visita alla città.

I prossimi appuntamenti della piattaforma unica dell’oro gestita da Italian Exhibition Group sono a Vicenza, con VicenzaOro September dal 7 all’11 settembre e ancora ad Arezzo, dal 26 al 28 ottobre, con GOLD ITALY.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

IEG, OROAREZZO chiude all’insegna della sinergia tra fiere