I Report di Teleborsa, la ripresa tarda fra le società del retail

(Teleborsa) – Il 2017 è stato caratterizzato da un moderato recupero della fiducia e della spesa dei consumatori, soprattutto nell’ultima parte dell’anno, quando la ripresa si è consolidata e le aspettative sulla situazione economica e personale sono progressivamente aumentate.

Lo conferma il report sul commercio al dettaglio dell’Istat riferito al mese di settembre, che vede un’accelerazione della spesa dello 0,9% su mese, mentre il trimestre luglio-settembre segna un +0,1%. Questo incremento porta la crescita delle vendite da inizio anno (gennaio-settembre) a +0,4% in valore (-0,2% in volume) perlopiù trainata dai beni alimentari con +1,1% (quelli non alimentari sono sostanzialmente stabili).

In questo quadro le società quotate attive nel settore retail hanno evidenziato performance a due velocità, a seconda della presenza o meno all’estero e della diversificazione, fatta eccezione per qualche caso in cui sono in corso operazioni di rafforzamento aziendale (Stefanel).

Le società  prese in considerazione sono attive nella distribuzione, nel tessile, nel calzaturiero, nell’abbigliamento sportivo o nell’intimo. I dati considerano la catena OVSCover 50 proprietaria del marchio PT Pantaloni Torino, Basicnet che controlla i marchi di abbigliamento sportivo Kappa e Robe di Kappa, Geox, Stefanel, che si trova in via di risanamento dopo l’accordo con le banche, e CSP Industrial Calze che detiene i principali marchi di intimo come Sanpellegrino, OroBlu, Lepel ecc.

FATTURATO IN RECUPERO SOPRA LA MEDIA PAESE

Fatturato 2016 2017 Variaz. %
OVS 986 1.031 4,6
Cover 50  22,6 23,3 3,1
Basicnet 556 570 2,5
Geox 739 733 -0,9
sub totale  2.304 2.357  2,3 
Stefanel *  68 59  -12,4
CSP Calze *  52 51  -1,7
Totale 2.424 2.467  1,8

Dati in milioni di euro
* dati riferiti al 1° semestre

Le sei società prese in considerazione hanno generato nel periodo preso in considerazione un fatturato di poco inferiore ai 2,5 miliardi di euro, in aumento dell’1,8% rispetto ai 2,4 miliardi del 2016. Un andamento che supera la media italiana. Va considerato però che Stefanel e CSP hanno fornito solo i dati semestrali, che evidenziano rispettivamente un calo delle vendite del 12,4% e dell’1,7%.

Considerando solo OVS, Cover 50, Basicnet e Geox si registra un aumento più forte dei ricavi (+2,3%) a quasi 2,4 miliardi. Fra tutte le società considerate il maggior peso è quello di OVS che genera un fatturato in Italia e all’estero di oltre 1 miliardo (+4,6% rispetto al 2016).

UTILI IN CRESCITA PER LA BIG ITALIANA DEL RETAIL

Ebitda 9 mesi 9M 2016 9M 2017 Variaz. %
OVS 126 138 9,6
Cover 50 7 6 -3,1

Dati in milioni di euro

Uno sguardo agli utili di periodo evidenzia una performance brillante per la big italiana del retaiol OVS , che segna una crescita del 9,6% a 138 milioni di euro, mentre si contraggono gli utili di Cover 50 del 3,1% a 6 milioni.

Non hanno fornito i dati sull’andamento di utili e redditività Basicnet e Geox, che si sono limitate ad aggiornare il mercato sull’andamento del fatturato.

Ebitda 6 mesi 9M 2016 9M 2017 Variaz. %
Stefanel 7,6 7,3 -3,9
Cover 50 -0,2 -2,4

I conti di Stefanel e CSP sono limitati al primo semestre: la catena di abbigliamento vede calare l’utile del 3,9% a 7,3 milioni di euro, mentre la big dell’intimo amplia la perdita a 2,4 milioni a fronte di un quasi pareggio nel 2016.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

I Report di Teleborsa, la ripresa tarda fra le società del retai...