I paesi OCSE perdono slancio: il superindice conferma una crescita lenta

(Teleborsa) – La crescita economica si conferma stagnante nei paesi OCSE, a fronte del consolidamento del ritmo della ripresa nell’Eurozona e del rallentamento riportato da Regno Unito e Stati Uniti. Migliorano però le prospettive degli emergenti dopo una lunga crisi.

La conferma di questa tendenza arriva dal leading indicator dell’area OCSE, che è sceso a marzo a 99,6 dai 99,7 rivisti del mese precedente, mentre quello dell’Eurozona cala a 100,4 da 100,5 punti. In Germania il superindice resta fermo a 99,7 punti ed in Francia a 100,9, mentre in Italia cala a 100,7 punti.

L’indicatore economico anticipatore ha segnalato un lieve peggioramento negli Stati Uniti (98,8) e Giappone (99,5) ed una stabilizzazione in Gran Bretagna (99,1). Il leading indicator del G7 quindi cala un poco a 99,3 punti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

I paesi OCSE perdono slancio: il superindice conferma una crescita len...