I Mercati finanziari prendono respiro dopo il rally della vigilia

(Teleborsa) – Le principali borse europee avviano l’ultima seduta della settimana all’insegna delle vendite, complice il ritracciamento dei mercati asiatici, delusi dalla mossa della Bank of Japan, e dalla caduta delle piazze statunitensi, ieri, sulla scia del nuovo calo dei prezzi del petrolio. Sui listini europei, più in generale, pesano le prese di profitto dopo il rally della vigilia innescato dalla decisione della Federal Reserve di alzare il costo del denaro per la prima volta da dicembre del 2006.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,16%. L’Oro mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,37%. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,37%.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a 103 punti base, con un lieve rialzo di 1 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all’1,60%.

Tra i listini europei, seduta negativa per Francoforte, che mostra una perdita dello 0,76%; discesa modesta per Londra, che cede lo 0,39%. Sotto pressione Parigi, che accusa un calo dello 0,91%. Il listino milanese continua la seduta poco sotto la parità, con il FTSE MIB che lima lo 0,52%. 

Andamento negativo a Piazza Affari su tutti i comparti. Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori immobiliare (-1,16%), Costruzioni (-0,94%) e Beni personali e casalinghi (-0,89%).

Maglia rosa tra i titoli del FTSE MIB a mostrare un buon guadagno, è Snam con un +0,83%.

Tra i titoli in negativo, c’è Moncler, con -1,40% e, sempre nel lusso, scivola anche Salvatore Ferragamo, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,22%. 

Giù anche Buzzi Unicem, con un netto svantaggio dell’1,38%.

Tra le banche, spicca la prestazione negativa di Banca Popolare dell’Emilia Romagna, che scende dell’1,06%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

I Mercati finanziari prendono respiro dopo il rally della vigilia