I listini europei chiudono la seduta in rialzo

(Teleborsa) – In Europa si scatenano gli acquisti, lo stesso avviene a Piazza Affari, che mostra un’ottima performance. Bilancio positivo per la borsa americana, dove l’S&P-500 vanta un progresso dello 0,45%.

A sostenere il sentiment degli investitori contribuiscono le speranze che le trattative tra USA e Cina volte a dirimere le tensioni commerciali siano finalmente a buon punto.

Riflettori puntati anche sulla Brexit, dopo la terza bocciatura dell’accordo con l’UE da parte del Parlamento inglese.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,123. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.295,8 dollari l’oncia. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un guadagno dell’1,28%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +255 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,48%.

Tra i mercati del Vecchio Continente ben comprata Francoforte, che segna un forte rialzo dello 0,86%, bilancio positivo per Londra, che vanta un progresso dello 0,71%, e Parigi avanza dell’1,02%.

A Piazza Affari, il FTSE MIB ha terminato la giornata con un aumento dello 0,97%, a 21.286 punti; sulla stessa linea, performance positiva per il FTSE Italia All-Share, che termina la giornata in aumento dello 0,78% rispetto alla chiusura di ieri. In denaro il FTSE Italia Mid Cap (+0,82%), come il FTSE Italia Star (0,6%).

Alla chiusura della Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,81 miliardi di euro, in deciso ribasso (-33,03%), rispetto alla seduta precedente che aveva visto la negoziazione di 2,7 miliardi di euro; mentre i contratti si sono attestati a 204.009, rispetto ai precedenti 287.825 ed i volumi scambiati sono passati da 0,8 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,63 miliardi.

Tra i 217 titoli scambiati, i titoli positivi sono stati 127, mentre 78 hanno terminato in calo. Sostanzialmente stabili le restanti 12 azioni.

In buona evidenza a Milano i comparti tecnologia (+2,76%), telecomunicazioni (+2,25%) e materie prime (+1,80%). In fondo alla classifica, sensibili ribassi si sono manifestati nel comparto alimentare, che ha riportato una flessione di -0,60%.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, vola Atlantia, con una marcata risalita del 3,68%.

Brilla STMicroelectronics, con un forte incremento (+3,41%).

Ottima performance per Juventus, che registra un progresso del 2,77%.

Exploit di Buzzi Unicem, che mostra un rialzo del 2,73%.

Bene TIM +2,48%, dopo la tregua in assemblea tra Vivendi e Elliott. Approvato il bilancio 2018.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Campari, che ha terminato le contrattazioni a -0,57%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, ASTM (+4,75%), Sias (+4,39%), SOL (+3,66%) e Anima Holding (+3,64%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Aquafil, che ha archiviato la seduta a -4,76%.

Pessima performance per Banca Farmafactoring, che registra un ribasso del 3,21%.

Sotto pressione Mondadori, che accusa un calo dell’1,90%.

Giornata fiacca per Credito Valtellinese, che segna un calo dello 0,97%.

I listini europei chiudono la seduta in rialzo