Huawei taglia di 30 miliardi di dollari le stime per il prossimo biennio

(Teleborsa) – “Nei prossimi due anni il fatturato calerà di 30 miliardi di dollari”. Ad affermarlo è stato il fondatore e Ceo di Huawei Ren Zhengfei che, durante una tavola rotonda svoltasi presso il quartier generale di Shenzhen, ha anche stimato per il 2019 un calo del 40% delle vendite di smartphone all’estero.

Nonostante, secondo le previsioni, nel prossimo biennio i conti del colosso cinese delle telecomunicazioni risentiranno pesantemente dello scontro commerciale con gli Stati Uniti, dalla Società – che nel 2018 ha realizzato ricavi per 721,2 miliardi di yuan (circa 95,3 miliardi di euro) – fanno sapere che sono pronti a reagire alle pressioni Usa che mirano a isolarli a livello internazionale. “Nel 2021, ritroveremo la nostra vitalità e continueremo a fornire servizi alla società umana”, ha assicurato Ren.

Il Ceo di Huawei ha, tuttavia, ammesso che non si sarebbe mai aspettato una così forte determinazione degli Usa contro la sua Compagnia. “Penso che entrambe le parti soffriranno per la situazione e nessuno alla fine vincerà” ha affermato Ren.

Sull’impatto del bando imposto da Donald Trump alle aziende Usa, che entrerà ufficialmente in vigore mercoledì 19 agosto, Huawei, fino a oggi, ha sempre cercato di minimizzare. “I nostri livelli di produzione globale sono nella norma e non hanno subito significanti variazioni” aveva affermato, solo dieci giorni fa, un portavoce del colosso cinese. Ma da Nikkei era già stata diffusa l’indiscrezione secondo la quale Huawei aveva già abbassato di circa il 20-30% le proprie previsioni di vendita per la seconda metà del 2019 e tagliato o cancellato un ingente quantitativo di ordini ai suoi principali fornitori di componenti

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Huawei taglia di 30 miliardi di dollari le stime per il prossimo bienn...