Huawei, arresto Meng Wanzhou: tregua Cina-Usa non a rischio

(Teleborsa) – Il caso Huawei riguarda la “sicurezza nazionale” e viaggia su un “binario separato” rispetto alle trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina. Lo ha assicurato Larry Kudlow, capo consigliere economico della Casa Bianca. Parlando ai microfoni di Cnbc, il consigliere del presidente Donald Trump ha parlato di uno “scenario promettente”, riferendosi ai negoziati tra le due prime potenze economiche mondiali.

TREGUA NON A RISCHIO – La tenuta della tregua decisa dai presidenti Donald Trump e Xi Jinping è stata messa in dubbio dall’arresto in Canada diMeng Wanzhou, direttrice finanziaria di Huawei, secondo produttore al mondo di smartphone e leader nel settore delle apparecchiature per le telecomunicazioni.

“La sicurezza nazionale ha la precedenza” ha dichiarato Kudlow. Il consigliere ha poi aggiunto che Trump potrebbe considerare la possibilità di estendere la tregua, se i negoziati commerciali dovessero mostrare “buoni” progressi.

Huawei, arresto Meng Wanzhou: tregua Cina-Usa non a rischio