H&M, risultati migliori del previsto con riapertura negozi

(Teleborsa) – H&M, il secondo più grande rivenditore di moda al mondo, ha registrato risultati migliori delle aspettative per il secondo trimestre (terminato il 31 maggio), grazie all’allentamento delle restrizioni per la Covid-19. L’utile ante imposte è stato di 3,59 miliardi di corone (circa 350 milioni di euro), rispetto a una perdita di 6,48 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso e ai 3,42 miliardi di corone attesi dagli analisti.

Le vendite sono aumentate del 75% in valuta locale nel secondo trimestre 2021 rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. Il fatturato convertito in corone è stato pari a 46.509 milioni, circa 4,58 miliardi di euro. Le vendite online del gruppo continuano crescere, anche con la graduale riapertura dei negozi: sono aumentate del 40% nelle valute locali nel secondo trimestre e del 47% nei primi sei mesi dell’anno fiscale.

“Poiché sempre più persone vengono vaccinate e le restrizioni vengono allentate, il mondo si sta gradualmente aprendo e i clienti possono nuovamente visitare i nostri negozi – ha commentato la CEO Helena Helmersson – Nonostante le continue restrizioni, le vendite sono aumentate in modo significativo rispetto all’anno precedente. Il terzo trimestre è iniziato bene e siamo quasi tornati al livello a cui eravamo prima della pandemia”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

H&M, risultati migliori del previsto con riapertura negozi