Hertz torna al Nasdaq dopo il rilancio e il maxi-contratto con Tesla

(Teleborsa) – Hertz, colosso statunitense dell’autonoleggio, torna oggi sul Nasdaq, dopo averlo lasciato circa un anno fa in seguito alla bancarotta. Le azioni di Hertz (che scambierà ora con il simbolo HTZ) sono state scambiate over-the-counter da quando è diventato efficace il delisting dalla Borsa di New York (il 30 ottobre del 2020). Il rilancio della società, uscita dal Chapter 11 (la procedura d’insolvenza prevista dall’ordinamento USA e finalizzata alla riorganizzazione aziendale) all’inizio di quest’anno, ha preso slancio dopo il maxi-contratto da 100 mila veicoli stretto con Tesla.

Ieri la società aveva annunciato il prezzo dell’offerta, pari a 29 dollari, di 44.520.000 azioni ordinarie da parte di alcuni azionisti di Hertz. Delle azioni offerte, Hertz prevede di riacquistare dai sottoscrittori 10.344.828 azioni con un prezzo di acquisto aggregato di 300 milioni di dollari. Inoltre, un azionista venditore ha concesso ai sottoscrittori un’opzione di 30 giorni per l’acquisto di ulteriori 6.678.000 azioni. Hertz non riceverà alcun ricavo dalla vendita delle azioni da parte degli azionisti venditori e prevede di finanziare il riacquisto con disponibilità liquide.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Hertz torna al Nasdaq dopo il rilancio e il maxi-contratto con Tesla