Harley-Davidson corre a Wall Street grazie ai conti

(Teleborsa) – Prepotente rialzo per Harley-Davidson, che mostra una salita bruciante dell’8,20% sui valori precedenti, grazie alla trimestrale migliore del previsto.

Il secondo trimestre si è chiuso con utili e ricavi sopra attese, nonostante il rischio che nuovi dazi europei potrebbero imitare i guadagni. La società, coinvolta infatti nelle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Unione europea, ha archiviato il periodo con utili per 242,3 milioni di dollari, pari a 1,45 dollari per azione, contro i 258,9 milioni, (1,48 dollari per azione) dello stesso periodo dell’esercizio precedente. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono stati di 1,52 dollari, oltre le previsioni del mercato per 1,34 dollari. I ricavi, invece, hanno subito un calo del 3,3% a 1,53 miliardi, comunque sopra le attese degli analisti per 1,424 miliardi.

Comparando l’andamento del titolo con lo S&P-500, su base settimanale, si nota che Harley-Davidson mantiene forza relativa positiva in confronto con l’indice, dimostrando un maggior apprezzamento da parte degli investitori rispetto all’indice stesso (performance settimanale +4,45%, rispetto a +0,85% dell’indice del basket statunitense).

Nuove evidenze tecniche classificano un peggioramento della situazione per Harley-Davidson, con potenziali discese fino all’area di supporto più immediata vista a quota 42,99 dollari USA. Improvvisi rafforzamenti scardinerebbero invece lo scenario suesposto con un innesco rialzista e target sulla resistenza più immediata individuata a 45,82. Le attese per la sessione successiva sono per una continuazione del ribasso fino all’importante supporto posizionato a quota 41,12.

Harley-Davidson corre a Wall Street grazie ai conti