Gruppo FS, risultati in crescita nel 2017. Investimenti per 5,6 miliardi

(Teleborsa) – Buoni i numeri del 2017 del Gruppo FS Italiane, che si conferma primo gruppo industriale per investimenti in Italia, con un volume pari a 5,6 miliardi di euro (99% sul territorio nazionale). Questi investimenti, sottolinea la società, hanno generato quasi 100mila posti di lavoro indotti, stima calcolata secondo i parametri forniti dall’ISTAT.

Il risultato netto risulta essere pari a 552 milioni di euro, con quello del settore trasporto che registra complessivamente un utile di 255 milioni di euro (+56% vs 2016). Società leader è Trenitalia, seguita dal gruppo Netinera, controllata FS Italiane in Germania. I ricavi da servizi di trasporto raggiungono 7,1 miliardi di euro (con una crescita complessiva differenziata nei diversi segmenti di business long haul e short haul, pari a +691 milioni di euro rispetto al 2016).

L’EBITDA del Gruppo si incrementa ulteriormente superando i 2,3 miliardi di euro con un EBITDA Margin del 24,9%, indice di gran lunga migliore rispetto sia alla francese SNCF (13,7%) sia alla tedesca Deutsche Bahn (9,9%). L’EBIT a 718 milioni di euro nel 2017 permette di raggiungere un EBIT Margin del 7,7%.
Confrontando i risultati al netto delle operazioni non ricorrenti, (424 milioni di euro nel 2017 e 385 milioni di euro nel 2016), si evidenzia una crescita del risultato netto del 10%, proponendo l’utile netto normalizzato 2017 come il migliore dell’ultimo triennio.

I ricavi operativi del Gruppo salgono a 9,3 miliardi di euro, con un incremento complessivo di 371 milioni di euro (+4,2% vs 2016; +9,3% al netto delle operazioni straordinarie) realizzato anche tramite operazioni di M&A concluse nel corso del 2017, in coerenza con le linee guida del Piano industriale di Gruppo, fra le quali l’acquisizione della società inglese NXET (ora Trenitalia c2c), di Busitalia Simet, che opera nel segmento servizi gomma long haul, di TrainOSE, che gestisce il servizio di trasporto ferroviario in Grecia, oltre che della società Qbuzz, terzo operatore di trasporto urbano olandese. I costi operativi crescono meno dei ricavi (+351 milioni di euro), a sostegno
della crescita del business complessivo.

Da segnalare poi la forte volontà del Gruppo di rilancio del settore merci. Il 2017 è stato un anno storico per il rilancio del settore merci grazie alla nascita, a gennaio 2017, del Polo Mercitalia e all’inizio dell’operatività della società Mercitalia Rail, nata dallo spin-off del settore Cargo di Trenitalia.

Il Gruppo mantiene un elevato livello di solidità finanziaria con mezzi propri che a fine 2017 si avvicinano ai 38,7 miliardi di euro (+184 milioni di euro sul 2016).

La Posizione Finanziaria Netta (PFN) si attesta a 7,3 miliardi di euro e cresce dell’8% in linea con i fabbisogni finanziari previsti nel Piano industriale di Gruppo, mantenendo il rapporto PFN/EBITDA a 3,1 e il rapporto PFN/Patrimonio netto a 0,19.

Gruppo FS, risultati in crescita nel 2017. Investimenti per 5,6 m...