Gruppo FS, bilancio della trasferta dei vertici a Strasburgo

(Teleborsa) – Quarto pacchetto ferroviario, Piano Juncker, Reti europee Ten-T, Tav Torino – Lione, Brennero, Cop21 e reciprocità. Sono questi i temi affrontati dal presidente Gioia Ghezzi e dall’ad del gruppo FS Italiane Renato Mazzoncini in occasione degli appuntamenti dei giorni scorsi a Strasburgo.  

I vertici del gruppo FS Italiane, prossimo alla quotazione, hanno infatti incontrato il commissario europeo ai Trasporti Violeta Bulc e il presidente della Commissione Trasporti Michael Cramer. I primi appuntamenti a Strasburgo del nuovo top management sono stati l’occasione per fare il punto anche con i deputati italiani al Parlamento europeo. Una delegazione guidata dai vice presidenti David Sassoli e Antonio Tajani ha ricevuto il presidente e l’ad di Ferrovie. A chiudere il giro di incontri quello con Gianni Pittella, presidente del gruppo socialisti e democratici al Parlamento europeo.

Durante gli incontri Ghezzi e Mazzoncini hanno ribadito l’urgenza di far nascere un unico mercato ferroviario europeo, davvero liberalizzato, che non ponga restrizioni all’accesso alle reti di ciascun paese e che non sia asimmetrico, rispettando così i principi di reciprocità. Un mercato che, anche grazie all’istituzione di un regolatore europeo, non abbia più barriere tecniche e amministrative che spesso impediscono di fatto il processo di liberalizzazione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gruppo FS, bilancio della trasferta dei vertici a Strasburgo