Green Pass, Unatras: autotrasportatori italiani discriminati rispetto a stranieri

(Teleborsa) – Unatras lancia l’allarme sugli effetti distorsivi del Green Pass e delle regole predisposte dal MIMS che “discriminano” a scapito degli autotrasportatori italiani ed a vantaggio di quelli stranieri.

“Almeno il 25% di camion delle imprese italiane già da questa mattina è stato costretto a fermarsi per fare largo ai vettori stranieri, innescando di fatto una forma di concorrenza distorta che danneggia un settore centrale della nostra economia”, sottolinea Unatras, parlando di un “effetto dirompente sull’economia del settore dei trasporti”.

“Quello che avevamo ampiamente previsto si sta purtroppo verificando – dicono le associazioni di autotrasporto riunite sotto la sigla Unatras – La committenza (cioè il settore produttivo) si sta già rivolgendo all’estero per sostituire i servizi di trasporto forniti dai vettori italiani”.

Unatras – di cui fanno parte le principali associazioni dell’autotrasporto: Fai, Fiap, Unitai e Assotir per Conftrasporto-Confcommercio, Cna Fita, Confartigianto Trasporti, SnaCasartigiani – si dice “sorpresa, allibita e indignata” dalle decisioni prese dal governo che stanno “mettendo in difficoltà imprese e lavoratori che nelle fasi più drammatiche della pandemia hanno garantito al Paese l’approvvigionamento dei farmaci e dei beni di prima necessità”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Green Pass, Unatras: autotrasportatori italiani discriminati rispetto ...