Grecia, Bruxelles approva il piano per migliorare la produzione di elettricità nelle isole

(Teleborsa) – Dopo il flop delle privatizzazioni, la Grecia continua a far parlare.

La Commissione Europea ha approvato il sostegno fornito dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) al Paese per migliorare la produzione di energia elettrica nelle isole elleniche non interconnesse.

Bruxelles ha stabilito che gli aiuti non contrastano con le regole comunitarie sugli aiuti di Stato.

Nel dicembre 2015, la Grecia aveva notificato l’intenzione di concedere alla società elettrica greca Public Power Corporation (PPC), una garanzia di Stato, che avrebbe permesso alla società di avere un prestito garantito da 190 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI). Questo prestito ha permesso di coprire la metà dei costi per l’aggiornamento, l’ampliamento e la ristrutturazione di impianti esistenti su 18 isole non collegate alla rete elettrica della terraferma.

PPC da parte sua si è impegnata a sostenere l’altra metà dei costi con il proprio bilancio. La Commissione Europea dopo aver analizzato la questione ha concluso che l’aiuto è in linea con le norme UE, in particolare con le regole relative ai servizi di interesse economico generale. La motivazione fornita da Bruxelles è che “la misura è necessaria per consentire a PPC di continuare a fornire prezzi accessibili a quei consumatori, che sulle isole, si occupano di energia elettrica. Inoltre il piano garantisce la disponibilità della capacità di generazione elettrica necessaria sulle isole interessate”.

Grecia, Bruxelles approva il piano per migliorare la produzione di elettricità nelle isole
Grecia, Bruxelles approva il piano per migliorare la produzione di ele...