Grecia, aspettando la Troika si lavora su debito e riforme

(Teleborsa) – E’ di nuovo tempo di esami per la Grecia, in vista della vicina missione della Troika (UE-BCE-FMI), che la prossima settimana tornerà ad Atene per fare il punto della situazione. La visita dei creditori internazionali dovrà accertare se sono stati fatti i passi avanti necessari per accedere ad una ulteriore tranche di aiuti. 

“I rappresentanti dei creditori torneranno a breve ad Atene”, ha annunciato il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, aggiungendo che stavolta la discussione non verterà sulle misure di austerity (tagli al bilancio), quanto piuttosto sull’avanzamento e sulla realizzabilità delle riforme e sulla ristrutturazione del debito

Frattanto, il numero uno del FMI, Christine Lagarde, e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, si sono incontrate nei giorni scorsi per fare il punto della situazione, da cui è emerso che occorre una ristrutturazione del debito senza un “haircut” (taglio del valore nominale) e che il governo greco dovrà prendere impegni chiari sulle riforme di pensioni e tasse.

In vista della spedizione ad Atene, il Fondo monetario si conferma piuttosto ottimista. Lo ha ribadito oggi il portavoce dell’Istituto di Washington, Gerry Rice, dicendo che vi sono stati sviluppi positivi e che si entra nelle trattative con le migliori intenzioni, ma la condizione che Atene assuma “impegni credibili”.

Grecia, aspettando la Troika si lavora su debito e riforme