Le più grandi truffe della storia

La storia è piena di truffe da manuale: a partire dalle più antiche epoche storiche fino ad arrivare ai giorni nostri

Dalle crisi di identità, allo spiritismo fino ad arrivare alle truffe finanziare e commerciali: la storia ci ha lasciato in eredità numerose truffe, alcune da manuale.

L’appagamento di desideri e pregiudizi spesso ha trovato sfogo proprio nelle truffe o nella pseudoscienza. Basta pensare a coloro che sono alla ricerca di un riscatto sociale e – complici anche i disturbi psichici – non si vedono più per quello che sono. Da qui la storia è piena di casi di “finti” personaggi tornati ad un tratto in vita, per lo più per un tornaconto personale.

Nella Roma imperiale ci furono circa tre casi di finti Nerone, ma una cosa simile accadde con Anastasia Romanov, che pur essendo morta a seguito di fucilazione, ha visto una sua finta omonima spuntare da lì a breve tempo. La donna dopo aver sostenuto di essere lei Anastasia, dette vita a una vera e propria questione mediatica che ebbe fine con le analisi del Dna sui resti della famiglia imperiale.

E se ci spostiamo nell’ambito delle pseudoscienze ci rendiamo conto che la situazione non è poi così dissimile. Lo spiritismo, ad esempio ha visto il sostegno di figure importanti della scienza o anche di personalità di spicco come William Cookes o anche Arthur Conan Doyle. La scienza non denigra le tesi spiritiste e non sono mancati scienziati come Lèon Denizard Rivail che hanno scritto interi libri sull’argomento. E anche se al momento, nessuno è riuscito a dimostrare di essere in possesso di poteri soprannaturali, quello che è certo è che lo spiritismo ha preso piede tra gli uomini di scienza e tra le donne.

Non sono mancati i grandi truffatori, quelli che hanno fatto la “storia” grazie ad esempio alla loro abilità nel raccontare anneddoti particolarmente convincenti. In questo senso è stato emblematico il caso di Victor Lustig che riuscì nell’intento di “estorcere” una grande quantità di soldi ad Al Capone, facendo leva sulla generosità che il boss aveva sempre dimostrato nei confronti di chi lavorava “onestamente”.

E poi c’è Frank Abagnale, che negli anni della giovinezza è riuscito a cambiare identità più volte sempre con lo scopo di impossessarsi di soldi in maniera illecita. Molto bravo nel produrre documenti falsi, Abagnale non solo dette lezioni universitarie facendo credere a tutti di essere un docente, ma è riuscito anche a spacciarsi per un ufficiale dell’aeronautica.

Le più grandi truffe della storia