GPI, ricavi in aumento a 150 milioni di euro nel primo semestre

(Teleborsa) – GPI, società quotata sul mercato MTA e attiva nel campo dei sistemi informativi e servizi per la sanità ha registrato ricavi consolidati par a circa 150 milioni di euro nel primo semestre del 2021, in crescita del 28% rispetto ai 117,2 milioni di euro nei primi sei mesi del 2020. L’EBITDA consolidato supera i 14 milioni di euro, in aumento del 33% rispetto ai 10,5 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso.

Il gruppo ha inoltre comunicato che nel primo semestre 2021 si è aggiudicato 36 nuove commesse per un importo di competenza superiore a 79 milioni di euro, distribuito su un periodo medio ponderato di 45 mesi; si tratta del frutto di gare bandite nei mesi precedenti e vinte nel primo semestre 2021. Allo stesso tempo, nel corso della prima metà del 2021, GPI ha partecipato a ulteriori 76 gare, per un valore complessivo di base d’asta pari a 224 milioni di euro.

Per quanto riguarda i mercati esteri, GPI segnala che guadagna contratti soprattutto nel mercato Automation in Europa (Austria, Svizzera, Ungheria), Medio Oriente e Cina. Per quanto concerne il software, entrano nuovi contratti per il Blood Management in Francia e negli USA, come effetto delle recenti acquisizioni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

GPI, ricavi in aumento a 150 milioni di euro nel primo semestre