Governo lavora a Decreto aprile da 60 miliardi

(Teleborsa) – Le misure messe in campo dal Governo per fronteggiare l’emergenza coronavirus è un tavolino a più gambe, per ora tre. Dopo il decreto Cura Italia e quello Liquidità, c’è attesa per il varo la prossima settimana del Decreto aprile chiamato ad estendere e correggere alcuni degli interventi di sostegno introdotti il mese scorso, ma anche introdurne di nuovi, su tutti il REM, “reddito di emergenza” per coinvolgere la platea degli esclusi dal primo round di aiuti.

Al momento, si va verso una iniezione di altri 60 miliardi di euro, un tesoretto che, gioco forza, finirà per aggravare deficit e debito pubblico. Sulla carta, il rapporto deficit/pil schizzato a causa del Cura Italia da 30 miliardi a quota 5,4%, con il decreto aprile finanziato tutto in deficit subirebbe una ulteriore impennata, superando quota 7%.

C’è poi da fare i conti con l’effetto di una contrazione del PIL – attesa e prevista dal Fondo Monetario Internazionale che anticipa un calo di oltre il 9% nel nostro Paese per l’anno in corso, che paga dunque un prezzo altissimo – che complicherebbe ulteriormente i piani. Qualche freccia nel nostro arco, per fortuna, ancora c’è con la possibilità di alleggerire il fardello, grazie all’opzione di ricorrere ai circa 11 miliardi di fondi europei del budget 2014-2020 non ancora utilizzati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Governo lavora a Decreto aprile da 60 miliardi