Google pagherà gli editori nel Regno Unito per le notizie

(Teleborsa) – Google ha annunciato una partnership con oltre 120 giornali del Regno Unito, chiamata News Showcase, con la quale per la prima volta pagherà per le notizie che i quotidiani distribuiscono su Google News. Tra i grandi gruppi editoriali che hanno stretto l’accordo ci sono l’Evening Standard, The Financial Times, Iliffe Media, The Independent, Midland News Association, New Statesman, Newsquest, JPI Media, Reach, The Telegraph e Reuters. Secondo CNBC, gli editori riceveranno qualche milione di sterline ogni anno, ma l’annuncio non rivela dettagli economici.

“Come parte dei nostri accordi di licenza con gli editori, stiamo anche lanciando la possibilità per i lettori di accedere a determinati contenuti del paywall – ha scritto in in un post sul blog di Google Ronan Harris, vice presidente e managing director di Google UK e Irlanda – Questa funzione darà ai lettori l’opportunità di leggere più contenuti di un editore di quelli a cui avrebbe altrimenti accesso, consentendo agli editori di incoraggiare i lettori a diventare abbonati“.

“Accogliamo con favore questa iniziativa e il suo potenziale per offrire al giornalismo di interesse pubblico una piattaforma più visibile su Google“, ha affermato David Higgerson, Chief Audience Officer di Reach, il più grande editore commerciale del Regno Unito, con oltre 100 quotidiani locali. La funzione si troverà nell’app mobile di Google News e in Google Discover: quando gli utenti cliccheranno sugli estratti degli articoli in queste app verranno reindirizzati all’articolo completo sul sito del giornale.

Nel dare la notizia, Google ha sottolineato che a livello globale ora ci sono più di 450 giornali che aderiscono a Google News Showcase in oltre una dozzina di paesi tra cui Australia, Germania, Brasile, Canada, Francia, Giappone, Regno Unito e Argentina, con trattative in corso in altri Paesi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Google pagherà gli editori nel Regno Unito per le notizie