Gli italiani tornano a sognare la casa di proprietà, ma…

(Teleborsa) – Dopo gli anni della grande crisi, si è finalmente riacceso l’interesse degli italiani per la casa, complici la flessione dei prezzi e un mercato in fermento, ma l’offerta di abitazioni risulta insoddisfacente per il 68% degli italiani. 

La contrazione dei redditi e l’erosione dei risparmi delle famiglie sembrano aver ridotto la disponibilità d’investimento molto più di quanto si siano ridotti i prezzi di mercato negli ultimi anni. Inoltre, nonostante l’alto stock sul mercato, gli italiani lamentano i bassi standard qualitativi delle abitazioni.

Le famiglie aspirano a case spaziose, luminose, in contesti urbani dall’elevata vivibilità, al giusto prezzo. Gli italiani cercano abitazioni di 3 o più stanze in buono stato, in quartieri semi-centrali delle città, ben collegate dai mezzi di trasporto pubblico ed efficienti dal punto di vista energetico.
Si afferma, infatti, una maggiore sensibilità per l’abitare “green”, dagli appartamenti in classe A, ai servizi comuni all’orto condominiale.

La disponibilità di spesa però non supera i 200mila euro nel 60% dei casi, percentuale che arriva all’80% includendo coloro che dichiarano di poter spendere sino a 300mila euro. E’ quanto emerge dallo studio condotto da idealista.it “Abitare 2016”, che fotografa i principali trend della casa tra innovazione e trasformazione.

Secondo Vincenzo De Tommaso, dell’ufficio studi del portale immobiliare: “l’indagine evidenzia la necessità per l’offerta di riposizionarsi su standard qualitativamente più elevati, per venire incontro a una domanda più selettiva. Riqualificazione e ristrutturazione del patrimonio immobiliare diventano le parole d’ordine per chi vuole vendere oggi e nel futuro”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gli italiani tornano a sognare la casa di proprietà, ma…