Giorni decisivi per il futuro di Alitalia

(Teleborsa) – Le mosse in atto sullo scacchiere dei collegamenti aerei tra Europa e Sud America potrebbero condizionare, e di molto, le scelte imminenti sul futuro di Alitalia.

L’operazione da un miliardo di euro che ha permesso l’acquisizione della spagnola Air Europa da parte del consorzio Iag, la holding che controlla Iberia e British Airways, oltre che la low cost Vueling, ha spostato il baricentro della supremazia del mercato delle rotte con l’America Latina. A cui Alitalia è fortemente interessata, operando 78 voli settimanali verso 6 destinazioni nella stagione invernale.

Una matrice che Lufthansa ha dichiarato apertamente di voler allargare se l’intesa su partnership, equity e piano industriale dovesse andare in porto. Si prospettano giorni intensi tra Roma e i quartier generali di Lufthansa, entrata di getto nella trattativa, e Delta Air Lines, che sembrava aver definito il proprio ruolo di azionista di minoranza e partner industriale. Da una parte il ruolo dei tre commissari straordinari, che domani riferiranno la situazione nel corso di un’audizione alla Camera, dall’altra quello della capo cordata Fs e di Atlantia, che entro il 21 novembre dovranno presentare l’offerta vincolante per dare vita, insieme al Mef, alla Newco, senza la quale il destino di Alitalia avrebbe tinte fosche. Prospettiva che si vuole evitare in tutti i modi.

In coincidenza con l’attesa riunione del CdA di Lufthansa, in programma giovedì 7 novembre, il sindacato tedesco degli assistenti di volo Ufo ha indetto due giorni di sciopero, il 7 e 8 novembre. I sindacati italiani, dal loro canto, ribadiscono le preoccupazioni per una soluzione salva Alitalia che preveda tagli consistenti al personale. E poco più di due settimane alla chiusura delle trattative per la creazione della Newco dovranno servire anche a fare chiarezza sul futuro occupazionale dei dipendenti Alitalia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giorni decisivi per il futuro di Alitalia