Giornata nera per Wall Street su crollo petrolio

(Teleborsa) – Seconda sessione di ribassi per la borsa di Wall Street colpita dal crollo senza precedenti dei prezzi del petrolio. che sta proseguendo anche nella seduta odierna. Le quotazioni di greggio americano sono scese per la prima volta nella storia in territorio negativo, sulla scia di una forte contrazione della domanda per gli effetti della pandemia del coronavirus e di un eccesso di materia prima degli stoccaggi USA.

A New York, forte calo del Dow Jones (-2,3%), che ha toccato 23.105,94 punti; sulla stessa linea, viene venduto parecchio lo S&P-500, che continua la seduta a 2.749,24 punti. Pessimo il Nasdaq 100 (-2,9%), come l’S&P 100 (-2,6%).

In discesa a Wall Street tutti i comparti dell’S&P 500. Tra i più negativi della lista dell’S&P 500, troviamo i comparti informatica (-3,25%), finanziario (-3,08%) e energia (-2,73%).

Unica tra le Blue Chip del Dow Jones a riportare un sensibile aumento è Travelers Company (+1,1%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su United Technologies, che continua la seduta con -5,72%.

Seduta drammatica per Boeing, che crolla del 5,13%.

Sensibili perdite per Merck & Co, in calo del 4,97%.

In apnea Caterpillar, che arretra del 4,19%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Viacom (+3,24%), Equinix (+1,01%) e SBA Communications (+0,81%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Lam Research, che continua la seduta con -7,22%.

Tonfo di Mattel, che mostra una caduta del 6,25%.

Lettera su Stericycle, che registra un importante calo del 6,12%.

Affonda Tesla Motors, con un ribasso del 5,14%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giornata nera per Wall Street su crollo petrolio