Giornata drammatica a Wall Street che chiude in profondo rosso

(Teleborsa) – Pioggia di vendite sul listino USA, che dopo Un avvio stabile sulla scia del Job Report, ha ripiegato in negativo tornando a risentire delle tensioni commerciali, della volatilità del petrolio e delle preoccupazioni per una nuova recessione.

A New York, il Dow Jones termina con una pesante flessione del 2,24% e prosegue in tal modo una serie negativa, iniziata martedì scorso, di tre ribassi consecutivi; sulla stessa linea, si abbattono le vendite sullo S&P-500, che chiude la giornata a 2.633,08 punti, in forte calo del 2,33%. In forte calo il Nasdaq 100 (-3,3%), come l’S&P 100 (-2,4%).

In discesa a Wall Street tutti i comparti dell’S&P 500. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti informatica (-3,53%), beni di consumo secondari (-3,08%) e beni industriali (-2,62%).

Tutte le Blue Chip del Dow Jones perdono terreno a Wall Street. Le peggiori performance si sono registrate su Intel, che ha chiuso a -4,42%.

Tonfo di Cisco Systems, che mostra una caduta del 4,09%.

Lettera su Microsoft, che registra un importante calo del 4,04%.

Affonda Dowdupont, con un ribasso del 3,86%.

Unico titolo in positivo del Nasdaq-100, Broadcom mette a segno un +0,58%. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Ulta Beauty, che ha chiuso a -13,12%.

Crolla American Airlines, con una flessione del 9,12%.

Vendite a piene mani su Nxp Semiconductors N.V, che soffre un decremento del 6,76%.

Pessima performance per Nvidia, che registra un ribasso del 6,75%.

Giornata drammatica a Wall Street che chiude in profondo rosso