Giornata difficile per l’equity europeo. Milano in rosso

(Teleborsa) – Tutte in calo le principali Borse europee. Giornata “no” anche per il listino milanese, che tuttavia mostra cali meno consistenti. In evidenzia a Piazza Affari l’editoria, dopo gli accordi con Google. Resta comunque incerto il clima generale, con i lockdown che bilanciano l’avanzamento delle campagne vaccinali, e il petrolio che è in calo dopo l’ottima giornata di ieri.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,179. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,41%. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 59,02 dollari per barile, in netto calo del 3,53%.

Piccolo passo verso l’alto dello spread, che raggiunge quota +96 punti base, mostrando un aumento di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari allo 0,59%.

Tra le principali Borse europee calo deciso per Francoforte, che segna un -1,09%, sotto pressione Londra, con un forte ribasso dell’1,19%, e soffre Parigi, che evidenzia una perdita dello 0,86%.

A Milano, si muove sotto la parità il FTSE MIB, che scende a 24.041 punti, con uno scarto percentuale dello 0,69%; sulla stessa linea, depressa il FTSE Italia All-Share, che scambia sotto i livelli della vigilia a 26.191 punti.

Poco sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,3%); con analoga direzione, in rosso il FTSE Italia Star (-0,8%).

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti utility (+2,43%), media (+1,95%) e tecnologia (+1,37%).

Nel listino, i settori telecomunicazioni (-4,77%), bancario (-2,02%) e servizi finanziari (-2,02%) sono tra i più venduti.

Tra i best performers di Milano, in evidenza Hera (+3,15%), A2A (+0,98%), Amplifon (+0,85%) e Campari (+0,74%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Tenaris, che ottiene -3,50%.

Preda dei venditori Saipem, con un decremento del 2,61%.

Sensibili perdite per Leonardo, in calo del 2,53%.

Si concentrano le vendite su ENI, che soffre un calo del 2,13%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Mediaset (+2,84%), Guala Closures (+2,67%), De’ Longhi (+2,07%) e Cattolica Assicurazioni (+1,44%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Biesse, che prosegue le contrattazioni a -3,55%.

In apnea Saras, che arretra del 3,23%.

Tonfo di Datalogic, che mostra una caduta del 2,64%.

Lettera su IGD, che registra un importante calo del 2,60%.

(Foto: © Kittipong Jirasukhanont / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giornata difficile per l’equity europeo. Milano in rosso