Giornata di saliscendi con finale positivo per Milano

(Teleborsa) – Bilancio positivo a fine giornata per i mercati finanziari del Vecchio Continente, partiti giù di tono seguendo la debolezza dei listini asiatici e statunitensi. I mercati europei, si salvano sul finale grazie soprattutto al balzo delle utilities quotate a Milanoe alla buona performance delle banche. 

Lieve calo dell’Euro / Dollaro USA, che scende a quota 1,235. Giornata negativa per l’oro, che archivia la seduta a 1.329,5 dollari l’oncia, in calo dell’1,13%. Perde terreno il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 64,53 dollari per barile, con un calo dell’1,10%.

Scende lo spread, attestandosi a 135 punti base, con un calo di 3 punti base, mentre il BTP decennale riporta un rendimento dell’1,84%.

Nello scenario borsistico europeo pensosa Francoforte, con un calo frazionale dello 0,25%. Tonica invece Londra, che riflette un aumento dello 0,64%. Andamento positivo anche per Parigi, +0,29%. Il listino milanese mostra un timido guadagno in chiusura, con il FTSE MIB che ha messo a segno un +0,55%. 

Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,75 miliardi di euro, con un incremento del 22,25%, rispetto ai precedenti 2,25 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,85 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,15 miliardi, mentre i contratti si sono attestati a 309.024, rispetto ai precedenti 254.652.

A fronte dei 223 titoli scambiati, sono giunte richieste di acquisto per 77 azioni. In lettera invece 134 titoli. Pressoché stabili le rimanenti 12 stocks.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Utility (+3,75%), Immobiliare (+3,05%) e Sanitario (+1,95%). Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori Tecnologico (-4,94%), Costruzioni (-1,47%) e Automotive (-1,28%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, brillano le utilities: Terna, con un forte incremento (+4,77%). Ottima performance per Snam, che registra un progresso del 4,66%. Exploit di Enel, che mostra un rialzo del 3,71%.

Su di giri Recordati (+3,07%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su STMicroelectronics, che ha terminato le contrattazioni a -5,32%.

Giù anche Fiat Chrysler, che arretra del 2,01%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, IGD (+9,63%), Hera (+4,37%), El.En (+4,00%) e IREN (+3,30%). I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Fincantieri, che ha archiviato la seduta a -14,49%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giornata di saliscendi con finale positivo per Milano