Giornata di saliscendi con finale debole per le Borse europee

(Teleborsa) – Seduta cauta per le principali borse europee e per Piazza Affari, che hanno scelto la prudenza dopo un esordio migliore. A frenare gli slanci contribuiscono l’attesa per la testimonianza del Presidente Fed Janet Yellen al Congresso in settimana e per l’avvio della stagione delle trimestrali USA in questi giorni.

Seduta in lieve rialzo per l’Euro / Dollaro USA, che avanza a quota 1,143. Pochissimi spunti sul fronte macroeconomico, fatta eccezione stamattina per il dato sulla produzione italiana, che è risultato migliore delle previsioni ed in recupero a maggio. L’Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.214,3 dollari l’oncia. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno dello 0,86%.

Avanza di poco lo spread, che si porta a 177 punti base, evidenziando un aumento di 3 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,31%.

Tra le principali Borse europee nulla di fatto per Francoforte, che passa di mano sulla parità. Contrazione moderata per Londra, che soffre un calo dello 0,55%. Sottotono Parigi -0,52%. Chiusura in frazionale ribasso per Piazza Affari: il FTSE MIB che lascia sul parterre lo 0,37%. 

Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,22 miliardi di euro, con un incremento del 16,93%, rispetto ai precedenti 1,9 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,57 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,63 miliardi, mentre i contratti si sono attestati a 233.410, rispetto ai precedenti 214.382.

Su 220 titoli scambiati sulla borsa di Milano, 125 azioni hanno chiuso in territorio negativo, mentre 83 azioni hanno portato a casa un rialzo. Invariate le altre 12 azioni del listino milanese.

Si distinguono a Piazza Affari i settori Servizi per la finanza (+0,75%), Automotive (+0,72%) e Media (+0,71%). Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori Viaggi e intrattenimento (-1,09%), Costruzioni (-1,04%) e Sanitario (-0,71%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Exor (+1,90%), BPER (+1,81%), Fiat Chrysler (+1,78%) e UBI Banca (+1,37%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Brembo, che ha chiuso a -1,97%.

Sotto pressione Unicredit, che accusa un calo dell’1,83%. Scivola Fineco, con un netto svantaggio dell’1,64%.

In rosso Buzzi Unicem, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,53%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giornata di saliscendi con finale debole per le Borse europee