Giornata cauta per Piazza Affari. Focus sulle trimestrali

(Teleborsa) – Piazza Affari non si sposta dai valori della vigilia, in linea con i principali mercati di Eurolandia, in una seduta in cui l’attenzione è ancora rivolta alle indicazioni provenienti dalle trimestrali. Tra chi ha diffuso i dati questa mattina, Unipol ha comunicato un utile in crescita a 813 milioni nei 9 mesi 2021, ERG ha rivisto al rialzo la guidance dopo il balzo dell’utile e Webuild ha reso noto che ha acquisito 10,5 miliardi di euro di nuovi contratti da inizio anno. Il titolo di Pirelli scambia ai massimi da oltre due anni dopo i risultati trimestrali positivi. Intanto, la produzione industriale dell’Eurozona ha superato le attese degli analisti nel mese di settembre.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,144. Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,53%. Giornata negativa per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 80,37 dollari per barile, in calo dell’1,50%.

Sale lo spread, attestandosi a +122 punti base, con un incremento di 4 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari allo 0,95%.

Tra i listini europei senza spunti Francoforte, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi, si muove sotto la parità Londra, evidenziando un decremento dello 0,43%, e performance modesta per Parigi, che mostra un moderato rialzo dello 0,22%.

A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile e si posiziona su 27.625 punti; sulla stessa linea, resta piatto il FTSE Italia All-Share, con le quotazioni che si posizionano a 30.293 punti.

Guadagni frazionali per il FTSE Italia Mid Cap (+0,22%); consolida i livelli della vigilia il FTSE Italia Star (+0,07%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, ottima performance per Azimut, che registra un progresso del 3,66%.

Exploit di Pirelli, che mostra un rialzo del 3,09%.

Bilancio decisamente positivo per Ferrari, che vanta un progresso dell’1,48%.

Resistente Nexi, che segna un piccolo aumento dello 0,88%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Telecom Italia, che continua la seduta con -3,75%.

Preda dei venditori Interpump, con un decremento dell’1,38%.

Contrazione moderata per Saipem, che soffre un calo dello 0,86%.

Sottotono ENI che mostra una limatura dello 0,84%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Datalogic (+11,88%), Fincantieri (+3,01%), Ferragamo (+2,46%) e SOL (+2,15%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Credem, che continua la seduta con -2,99%.

Pessima performance per Esprinet, che registra un ribasso del 2,82%.

Sessione nera per Saras, che lascia sul tappeto una perdita del 2,60%.

In caduta libera Webuild, che affonda del 2,22%.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giornata cauta per Piazza Affari. Focus sulle trimestrali