Giornata cauta per Milano e gli altri Listini europei

(Teleborsa) – Piazza Affari non si sposta dai valori della vigilia, in linea con i principali mercati di Eurolandia. Dopo aver chiuso la settimana scorsa in rosso, le Borse europee sono ripartite poco mosse. Intanto, S&P ha lasciato invariato il rating BBB sull’Italia (con outlook stabile) e l’indice IFO tedesco è cresciuto meno delle attese ad aprile.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,06%. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.780 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) in calo (-1,43%) si attesta su 61,25 dollari per barile.

Sale lo spread, attestandosi a +106 punti base, con un incremento di 3 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari allo 0,80%.

Tra le principali Borse europee senza spunti Francoforte, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi, ferma Londra, che segna un quasi nulla di fatto, e trascurata Parigi, che resta incollata sui livelli della vigilia.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB che si ferma a 24.391 punti; sulla stessa linea, resta piatto il FTSE Italia All-Share, con le quotazioni che si posizionano a 26.706 punti.

In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,7%); con analoga direzione, poco sopra la parità il FTSE Italia Star (+0,48%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, bilancio decisamente positivo per Unicredit, che vanta un progresso dell’1,25%.

Buona performance per Intesa Sanpaolo, che cresce dell’1,19%.

Sostenuta Amplifon, con un discreto guadagno dell’1,17%.

Buoni spunti su Atlantia, che mostra un ampio vantaggio dell’1,13%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Leonardo, che ottiene -3,12%.

Calo deciso per Prysmian, che segna un -1,58%.

Sotto pressione Stellantis, con un forte ribasso dell’1,39%.

Soffre Pirelli, che evidenzia una perdita dell’1,04%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Technogym (+5,71%), Alerion Clean Power (+4,67%), Ascopiave (+3,68%) e ERG (+3,51%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Piaggio, che prosegue le contrattazioni a -2,43%.

Preda dei venditori Tinexta, con un decremento dell’1,45%.

Si concentrano le vendite su Danieli, che soffre un calo dell’1,41%.

Sostanzialmente debole FILA, che registra una flessione dello 0,81%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giornata cauta per Milano e gli altri Listini europei