Giochi, Mattel “modernizza”la Barbie e reagisce alla crisi che colpisce i conti

(Teleborsa) – I giocattoli non tirano più i bambini ed i videogiochi la fanno da padrone, tanto che non è infrequente qualche allarme di medici e pedagogisti sulla salute dei bambini.

Le nuove tendenze però condizionano anche le scelte dei produttori di giochi, che da qualche anno stanno sperimentando una crisi senza precedenti. E’ il caso di Mattel che ha annunciato un altro calo dell’utile, anche se inferiore al previsto, fra il tentativo di “modernizzare” la sua Barbie in versione “Game Developer” o “candidata alla Casa Bianca” e gli accordi siglati con le big dei videogiochi.  

Il colosso dei giochi ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con una perdita di 19,1 milioni di dollari, pari a 6 cent per azione, rispetto a quella di 11,4 milioni, pari a 3 cent per azione, dell’anno precedente. Al netto di voci straordinarie c’è una perdita per azione di 2 cent, inferiore ai -5 cent attesi dal mercato.

I ricavi sono scesi del 3% a 957,3 milioni, ma superano il consensus di 936,6 milioni. Importanti segnali di ripresa arrivano dalla Barbie, che ha visto crescere il fatturato del 23%.

Grazie a risultati giudicati soddisfacenti, il titolo Mattel ieri sera è balzato del 3,5% alla Borsa di New York.

Giochi, Mattel “modernizza”la Barbie e reagisce alla crisi...