Giappone: vendite al dettaglio giù, produzione industriale in ripresa

(Teleborsa) – L’economia del Giappone si conferma a due colori a inizio 2016.

Secondo quanto reso noto dal Ministero del Commercio Internazionale e dell’Industria (METI), nel mese in esame le vendite al dettaglio sono risultate in calo per il terzo mese consecutivo mostrando un calo tendenziale dello 0,1% dopo il -1,1% di dicembre. Il dato è decisamente al di sotto delle attese degli analisti che stimavano un incremento dello 0,5%.

In forte calo le vendite all’ingrosso, che segnano un decremento del 6,3% su anno dal -3,1% precedente.

La produzione industriale ha mostrato invece un andamento contrastato, dal momento che, fa sapere sempre il METI nella stima preliminare, l’indice destagionalizzato è salito del 3,7% mensile, dopo il calo dell’1,7% del mese precedente, risultando al di sopra delle attese degli analisti che avevano previsto un incremento del 3,3%.

Su base annua, tuttavia, l’output è sceso del 3,8% dal -1,9% di dicembre.

Le consegne sono cresciute del 3,4% rispetto al mese precedente, mentre le scorte hanno registrato una variazione negativa dello 0,3%. La ratio delle scorte, infine, si è attestata a -2,1.

Intanto in Giappone continuano a infuriare le polemiche contro la decisione della Bank of Japan di portare i tassi sui depositi in negativo.

Un sondaggio condotto dal quotidiano Nikkei e da TV Tokyo ha mostrato che il 53% degli intervistati si è espressa negativamente nei confronti dell’attuale politica monetaria. Solo il 23% appoggia le scelte del Governatore Haruiko Kuroda.

Giappone: vendite al dettaglio giù, produzione industriale in ri...