Giappone, indice PMI manifattura maggio a 53 punti

(Teleborsa) – L’attività della manifattura in Giappone rimane sostenuta nel mese di maggio, anche se si espande a un ritmo inferiore rispetto al mese precedente. Il dato dell’indice PMI manifatturiero, pubblicato da Markit ed elaborato da Jibun Bank, indica un valore di 53 punti, inferiore ai 53,6 punti di aprile. Le stime degli analisti e della prima lettura erano per una salita più contenuta, ovvero fino a 52,5 punti. L’indicatore si conferma così al di sopra della soglia critica dei 50 punti che fa da spartiacque tra contrazione e crescita.

“Le aziende giapponesi hanno registrato ulteriori aumenti sia della produzione che dei nuovi ordini a maggio, poiché le aziende hanno riportato un miglioramento della domanda, in particolare nei mercati esterni – ha commentato Usamah Bhatti, economista di IHS Markit – I nuovi ordini di esportazione sono aumentati a un ritmo sostenuto, trainati dalla crescita sostenuta in mercati chiave come la Cina.

“I sostenuti aumenti della produzione e delle vendite totali hanno incoraggiato le imprese ad aumentare il numero della forza lavoro per il secondo mese consecutivo – ha aggiunto – Allo stesso tempo, le aziende hanno notato un’ulteriore intensificazione delle pressioni sui prezzi, con i prezzi degli input che sono aumentati al ritmo più veloce degli ultimi 31 mesi”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giappone, indice PMI manifattura maggio a 53 punti