Giappone, il premier Abe rinvia di nuovo l’aumento dell’IVA

(Teleborsa) – Rinviato a ottobre 2019 l’aumento dell’Imposta sul valore aggiunto, in Giappone.

A deciderlo è stato il premier Shinzo Abe dopo che nei giorni scorsi aveva deciso posticiparlo ad aprile 2017. L’IVA dovrebbe salire al 10% dall’8% attuale. 

Per gli addetti ai lavori, si tratta di un segnale di fallimento delle politiche economiche del primo ministro giapponese, note come “Abenomics” oltreché come una mossa politica in vista delle imminenti elezioni per la Camera alta. Abe ha, invece, giustificato la decisione con la necessità di evitare di aggravare gli effetti della crisi economica mondiale, ammettendo, suo malgrado, che le misure decise dal suo governo sono ancora a metà del cammino. 

L’anello debole dell’economia giapponese resta il settore manifatturiero, soprattutto a causa della frenata degli ordinativi e delle esportazioni sui timori per un rallentamento dell’economia globale. L’indicatore PMI manifatturiero resta in zona contrazione, ovvero sotto la soglia critica dei 50 punti che fa da spartiacque tra contrazione e crescita, cosa che non accadeva ormai da aprile 2015.

Giappone, il premier Abe rinvia di nuovo l’aumento dellR...