Giappone, consumatori meno propensi allo shopping

(Teleborsa) – Ancora un trend negativo per le spese delle famiglie giapponesi, mentre i redditi evidenziano una crescita modesta.

A gennaio, le spese delle famiglie operaie hanno registrato un calo dello 0,6% in termini nominali e dell’1,2% in termini reali, attestandosi a 279.249 yen. Lo ha comunicato l’Ufficio statistico nazionale del Giappone.

Nello stesso periodo i redditi delle famiglie operaie sono saliti dell’1,6% in termini nominali e dell’1% in termni reali a 441.061 yen.

Inoltre, frena a sorpresa, seppure di poco, la fiducia dei consumatori giapponesi.

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di ricerca economica e sociale del Cabinet Office giapponese, l’indicatore si è attestato a 43,1 punti in lieve calo rispetto ai 43,2 del mese precedente. Il dato è inferiore anche alle attese degli analisti, che erano per un rialzo fino a 43,7 punti.

L’indice resta al di sotto dei 50 punti, evidenziando un clima ancora negativo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giappone, consumatori meno propensi allo shopping