Germania, nuove spinte inflazionistiche arrivano dai prezzi import-export

(Teleborsa) – Nuove spinte inflazionistiche per la Germania, dove i prezzi praticati nel commercio estero evidenziano ancora una forte crescita in scia alla robusta domanda.

Nel mese di gennaio si è registrato un incremento dei prezzi import dello 0,9% su base mensile, dopo il +1,9% registrato il mese precedente. Il dato, comunicato dall’Ufficio Federale di Statistica della Germania, risulta superiore alle attese degli analisti che avevano previsto un aumento dello 0,4%.

Su base annua si è registrato invece un fortissimo incremento del 6%, dopo il +3,5% del mese precedente. Si tratta dell’incremento più grande dal maggio del 2011. Al netto dei prodotti petroliferi e minerari, i prezzi sono risaliti del 3% rispetto allo scorso anno.

Per quanto riguarda i prezzi alle esportazioni, si è registrato un incremento dell’1,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre rispetto al mese precedente il dato ha riportato una crescita dello 0,6%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Germania, nuove spinte inflazionistiche arrivano dai prezzi import-exp...