Germania, IFO conferma previsioni riduzione occupazione

(Teleborsa) – Previsto un aumento dei licenziamenti in Germania a causa della crisi pandemica e delle misure restrittive predisposte dal governo, che stanno colòpendo in particolare il settore del commercio. E’ quanto stima il barometro sull’occupazione dell’Istituto tedesco IFO, che segnala una discesa dell’indicatore a 94,5 punti a febbraio dai 95,1 punti di gennaio, terzo calo consecutivo.

Il lockdown – spiega l’Istituto di ricerca – sta portando alla perdita di posti di lavoro, in particolare nel settore del commercio al dettaglio. Invece, la situazione occupazionale nel settore manifatturiero sta migliorando: meno aziende stanno pensando ad un taglio di posti di lavoro e, anzi, progettano nuove assunzioni.

Quanto ai servizi, mantengono un sentiment negativo sulla pianificazione degli organici ed hanno ridotto i piani di assunzione. Più nello specifico, le misure restrittive stanno penalizzando il commercio che vede ancora una emorragia occupazionale, mentre il settore dell‘ingrosso e delle costruzioni confermano una relativa stabilità degli organici.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Germania, IFO conferma previsioni riduzione occupazione