Genova, due commissari per aiutare la città

(Teleborsa) – “E’ stato un incontro costruttivo in cui abbiamo ripreso in mano le fila di tutto il decreto, abbiamo ragionato su quelli che devono essere i poteri del Commissario straordinario e di quello di protezione civile: saranno due figure che si affiancheranno“. Così il governatore della Liguria Giovanni Toti, al termine del vertice a Palazzo Chigi con il premier Giuseppe Conte, il sindaco di Genova Marco Bucci.

Al tavolo dell’incontro, con al centro le misure del decreto Genova e il nome del commissario alla ricostruzione, si sono seduti anche il sottosegretario alla Infrastrutture Edoardo Rixi e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti.

“Il commissario per la ricostruzione e della demolizione del ponte – ha aggiunto Toti – si occuperà della parte relativa al ponte, mentre agli enti locali spetta tutto il sistema di sostegno, mantenimento e costruzione della viabilità secondaria: funzioni tipiche degli enti locali che abbiamo rivendicato e che il governo ci ha riconosciuto“.

Due commissari dunque per aiutare Genova: uno per l’emergenza ed uno per la ricostruzione. Ma ancora non è stato stabilito chi realizzerà l’opera.

“Oggi abbiamo fatto moltissimi passi avanti: ringrazio il governo e la nostra delegazione perché assieme abbiamo lavorato veramente bene. Credo che il decreto verrà fuori molto bene e la cifra totale di finanziamento sarà sicuramente alta, con molte voci” – ha detto, al termine del vertice, il sindaco di Genova Marco Bucci – che, in merito a chi costruirà il ponte ha affermato “siamo d’accordo sul ruolo del Commissario e su quello degli enti locali. Il commissario deciderà poi chi dovrà fare il ponte“.

Genova, due commissari per aiutare la città