Generali, utile netto in calo nei nove mesi. Risente cessione asset olandesi

(Teleborsa) – Generali ha chiuso i primi nove mesi del 2017 con un Utile netto pari a 1.463 milioni (-9,9%) a causa della minusvalenza legata alla cessione degli asset olandesi. Senza questa posta straordinaria l’utile sarebbe di 1,9 miliardi (+7,2%).

I premi complessivi del Gruppo sono risultati pari a 51.638 milioni, stabili a termini omogenei rispetto allo scorso anno grazie alla crescita osservata nel terzo trimestre.

Ulteriormente rafforzata la posizione i capitale con Regulatory Solvency Ratio a 195% e Economic Solvency Ratio a 215%. 

“I risultati dei primi nove mesi confermano l’ottimo andamento della nostra performance – ha dichiarato il Group CFO di Generali, Luigi Lubelli – . Il business continua a crescere grazie all’esecuzione della nostra strategia determinando: l’aumento dei premi Danni, in particolare nel ramo Auto; la significativa raccolta netta del Vita, ai vertici in Europa a € 8,2 mld, grazie principalmente ai prodotti Unit-linked e Protection; il forte aumento negli asset under management di terzi, superiore al 13%. La ricerca continua dell’eccellenza tecnica è evidenziata dall’ottimo Combined Ratio, nonostante l’aumento dei sinistri catastrofali, e dalla notevole crescita della marginalità della nuova produzione Vita. La riduzione dei costi, le minori svalutazioni e la diminuzione del costo del debito finanziario completano il quadro della nostra performance del periodo. L’utile netto al lordo delle attività operative cessate cresce del 7,2% e sottolinea il solido livello della nostra redditività ricorrente”.

Generali, utile netto in calo nei nove mesi. Risente cessione asset olandesi
Generali, utile netto in calo nei nove mesi. Risente cessione asset&nb...