Generali, utile netto in calo nei nove mesi. Risente cessione asset olandesi

(Teleborsa) – Generali ha chiuso i primi nove mesi del 2017 con un Utile netto pari a 1.463 milioni (-9,9%) a causa della minusvalenza legata alla cessione degli asset olandesi. Senza questa posta straordinaria l’utile sarebbe di 1,9 miliardi (+7,2%).

I premi complessivi del Gruppo sono risultati pari a 51.638 milioni, stabili a termini omogenei rispetto allo scorso anno grazie alla crescita osservata nel terzo trimestre.

Ulteriormente rafforzata la posizione i capitale con Regulatory Solvency Ratio a 195% e Economic Solvency Ratio a 215%. 

“I risultati dei primi nove mesi confermano l’ottimo andamento della nostra performance – ha dichiarato il Group CFO di Generali, Luigi Lubelli – . Il business continua a crescere grazie all’esecuzione della nostra strategia determinando: l’aumento dei premi Danni, in particolare nel ramo Auto; la significativa raccolta netta del Vita, ai vertici in Europa a € 8,2 mld, grazie principalmente ai prodotti Unit-linked e Protection; il forte aumento negli asset under management di terzi, superiore al 13%. La ricerca continua dell’eccellenza tecnica è evidenziata dall’ottimo Combined Ratio, nonostante l’aumento dei sinistri catastrofali, e dalla notevole crescita della marginalità della nuova produzione Vita. La riduzione dei costi, le minori svalutazioni e la diminuzione del costo del debito finanziario completano il quadro della nostra performance del periodo. L’utile netto al lordo delle attività operative cessate cresce del 7,2% e sottolinea il solido livello della nostra redditività ricorrente”.

Generali, utile netto in calo nei nove mesi. Risente cessione asset&nb...