Generali, sì unanime del CdA all’OPA su Cattolica

(Teleborsa) – Con riferimento all’offerta pubblica di acquisto volontaria lanciata da Generali sulla totalità delle azioni di Cattolica Assicurazioni, una nota del Leone di Trieste sottolinea che il è stato il consiglio di amministrazione all’unanimità a votare in senso positivo all’operazione. Ciò significa che ha votato a favore anche il vicepresidente vicario Francesco Gaetano Caltagirone, il quale l’anno scorso, in occasione nell’ingresso di Generali nella compagnia veronese, aveva espresso rilievi non sull’operazione in sé ma sulle modalità di comunicazione al consiglio chiamato a valutare l’investimento.

Una volta finalizzata l’operazione, la profittabilità del gruppo beneficerà di sinergie da costi operativi, eccellenza tecnica e ricavi (che si prevede raggiungano, a regime, un valore al lordo delle imposte pari a oltre 80 milioni di euro all’anno), sottolinea Generali. Questi saranno derivanti principalmente da economie di scala, la capacità dell’offerente di snellire i processi, l’estensione della capacità produttiva, e dalla capacità di ottimizzare, tra l’altro, il rischio dell’attività di sottoscrizione.

I costi di integrazione sono stimati complessivamente in circa 150-200 milioni di euro al lordo delle imposte, da sostenere nei prossimi quattro anni. Generali prevede un rischio contenuto di esecuzione dell’integrazione tra i due gruppi, grazie alla partnership strategica già in corso con Cattolica e al track record di Generali nella gestione delle integrazioni. L’impatto sul Regulatory Solvency Ratio di gruppo, è stimato pari a circa -7,8 p.p. Il perfezionamento dell’operazione è previsto entro fine 2021.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Generali, sì unanime del CdA all’OPA su Cattolica