Generali, Borean: “Abbiamo in cassa 2,3 miliardi per possibili acquisizioni”

(Teleborsa) – “Abbiamo in cassa 2,3 miliardi per possibili acquisizioni. Stiamo valutando le opportunità sul mercato in maniera disciplinata e opportunistica. I criteri sono tre: un criterio strategico, uno di fit culturale e uno di disciplina finanziaria. Come abbiamo detto, le acquisizioni non sono un obbligo, ma un modo per creare valore per gli azionisti e così devono essere considerate”. È quanto ha detto il Group CFO di Generali, Cristiano Borean, in un briefing telefonico con le agenzie di stampa dopo la diffusione dei risultati del primo trimestre 2021.

Borean ha quindi riepilogato le operazioni di M&A già compiute. “Ricordo che abbiamo già impegnato 1,8 miliardi di euro durante il piano“, ha detto citando poi i deal in Slovenia e Polonia, in Portogallo, in Grecia, la partnership strategica con Cattolica e quella con Sycomore. “Il gruppo continua a valutare le opzioni di M&A in maniera opportunistica e disciplinata, per migliorare il profilo di rischio della compagnia, ma tutte la opzioni restano aperte – ha aggiunto – Siamo contentissimi della nostra attività di M&A, perché è in coerenza con i nostri obiettivi. È importante avere come priorità quella di utilizzare la cassa per diversificare le nostre sorgenti di utile, non solo per linea di business, ma anche geograficamente. Questa è la priorità. Nel momento in cui non dovessimo trovare target valuteremo le altre opzioni”.
In merito alla distribuzione dei dividendi, il CFO ha detto: “Abbiamo discussioni molto positive con tutti i regolatori. A questo momento, non vediamo alcuna ragione ostativa al pagamento della seconda tranche di dividendi a ottobre“. “L’andamento della campagna vaccinale e il recupero dell’economia sono tutti segnali positivi – ha aggiunto – Confermo che la prossima settimana andrà in pagamento la prima tranche da 1,01 euro e a ottobre, in assenza di altre ostative, verranno pagati i 46 centesimi della seconda tranche”.

Borean ha poi confermato che sono partiti i lavori per la messa a punta del nuovo piano industriale del gruppo. “Vi confermo: nel mese di maggio continueremo a fare riunioni con gli AD delle società operative del gruppo. I lavori sono partiti, siamo già al lavoro sul nuovo piano, la cui presentazione confermo essere prevista tra fine 2021 e inizio 2022”, ha detto il manager. Nessun commento invece riguardo al tema della governance della compagnia: “Sulla governance non commenterei perché, come già detto di recente dal group CEO, il nostro focus è realizzare il piano strategico al 2021 e quindi raggiungere gli obiettivi annunciati al mercato”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Generali, Borean: “Abbiamo in cassa 2,3 miliardi per possibili a...