Gb, Johnson: notte in terapia intensiva, Raab “supplente”

(Teleborsa) – Regno Unito col fiato sospeso per le condizioni del Premier Boris Johnson che ieri sera, dopo un improvviso peggioramento nel pomeriggio, è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva del St Thomas hospital di Londra, 10 giorni dopo essere risultato positivo al test del covid-19 e dopo un periodo d’isolamento a Downing Street.

Le funzioni di Primo Ministro
sono state attribuite, in qualità di supplente, al Ministro degli Esteri Dominic Raab che, appena subentrato, ha rassicurato sul fatto che Boris Johnson “sta ricevendo cure eccellenti” ed “è in mani sicure”.

Assicurando che il Paese e l’azione dell’esecutivo restano “assolutamente sotto controllo”, Raab ha parlato di un “forte spirito di team” del Governo per attuare le istruzioni di Johnson e per “sconfiggere questo orribile virus”.

Le notizie sullo stato di salute di Johnson si sono rincorse per tutto la giornata di ieri, tra conferme e smentite sul peggioramento del quadro clinico. Solidarietà trasversale da tutto il mondo politico e non solo, a cominciare dal neo capo dell’opposizione laburista Keir Starmer: “Tutti i pensieri del Paese sono con il Primo ministro e la sua famiglia in questo momento così incredibilmente difficile”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gb, Johnson: notte in terapia intensiva, Raab “supplente”