Gas serra, allarme ONU: è nuovo record

(Teleborsa) – L’allarme dell’ONU arriva in un 2018 che si classifica fino ad ora come l’anno più caldo di sempre in Europa dove le temperature sono risultate superiori di 1,84 gradi alla media storica (1910-2000).

È quanto emerge dalle elaborazioni Coldiretti relativa ai primi dieci mesi dell’anno sulla base della banca dati Noaa, il National Climatic Data Centre in occasione degliultimi dati ONU sui livelli di gas serra, principale causa del cambiamento climatico, che hanno toccato un nuovo record.

La situazione – sottolinea l’associazione dei coltivatori diretti – è grave anche a livello planetario con il 2018 si colloca fino ad ora al quarto posto tra gli anni più bollenti facendo registrare una temperatura media sulla superficie della terra e degli oceani, addirittura superiore di 0,77 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo, superato solo nell’ordine dal 2016 che si classifica al primo posto, dal 2017 e dal 2015.

Gli effetti del cambiamento climatico sono evidenti anche in Italia dove, nel 2018, non si sono mai registrate temperature così elevate dal 1800 con valori superiori di 1,77 gradi la media storica secondo l’Ispra. E l’anomalia – precisa la Coldiretti – continua in autunno con lo sconvolgimento dei cicli di piante e animali. La classifica degli anni interi più caldi da oltre due secoli si concentra infatti nell’ultimo periodo e comprende nell’ordine anche il 2015, il 2014, il 2003, il 2016, il 2007, il 2017, il 2012, il 2001 e poi il 1994.

(Foto: © designua./123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gas serra, allarme ONU: è nuovo record